Alla continua ricerca del suo stile Italo Mattone, grande protagonista della scena del fumetto italiana, dice di essere entrato in questo mondo quasi per caso, nonostante la passione per il fumetto ci fosse sempre stata, da ragazzo infatti ha studiato violino, diplomandosi nel 2002. Oltre ad essere un affermato disegnatore insegna anche presso la scuola internazionale di Comics nella sede di Napoli. Dopo il suo esordio nel 2004 su due mitiche riviste contenitore dell’Eura Editore,  Lanciostory e Skorpio, ha poi prestato le sue matite al quinto albo di Detective Dante, personaggio creato dalla penna di Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni. È’ poi approdato alla Sergio Bonelli Editore, disegnando in coppia con Valerio Piccioni l’albo di Julia Il mostro (n. 124). Nel 2011 entra poi a far parte della gruppo di disegnatori che si occupa di Saguaro, la nuova serie  targata Bonelli. Impostazione realistica, linea definita, Mattone è innegabilmente uno dei più grandi e talentuosi interpreti del mondo del fumetto italiano e ama definire il suo stile “classico e rigoroso”. 

Commenti

commenti