I Gem Boy nascono nel 1992, quando per gioco il cantautore Carletto comincia a riscrivere i testi di canzoni note, prendendo in giro la cerchia dei suoi amici. Nel giro di pochi anni dalle prime audiocassette fatte in casa con una formazione composta da 2 persone, si ritrovano in 5 a spargere nella rete sotto forma di mp3 le loro “cover-parodia”. Questa sarà la loro fortuna proprio perchè si creerà spontaneamente un seguito di accaniti sostenitori che si spargeranno a macchia d’olio. Così nel 2000, nonostante al mondo discografico fossero dei perfetti sconosciuti, la gente affolla i loro concerti, cantando le loro versioni a sfondo sessuale delle hit di Ligabue, Cremonini, e delle sigle dei cartoni animati (solo per citarne alcune).

Il loro primo “vero” CD “Internettezza Urbana” è un successo inaspettato (15.000 copie). Questo momento, per i Gem Boy, segna l’inizio di un percorso di maturazione artistica e consapevolezza dei propri mezzi. Il 2004 vede l’uscita del loro secondo album, “Sbollata”, da cui viene tratto il singolo “2 di picche” con tanto di video trasmesso per diverse settimane su MTV e ALL MUSIC.

La band ha avuto numerosi cambi di formazione, ma attuamente i componenti sono CarlettoFX (voce e testi), il gigante buono Max (tastiere), il ruspante J.J. Muscolo (chitarra), l’eclettico Denis (basso), il figo Matteo (batteria) e l’immancabile factotum Sdrushi (fonico). I Gem Boy giungono nel 2006 al loro terzo lavoro “Ginecology”, ricchissimo di canzoni inedite. Da questo lavoro vengono prodotti i video di “Balla coi Lapi”, “Giambel V” e “Goldrake al Ristorante”.
Nel 2007 avviene un piccolo miracolo: i Gem Boy, nonostante il loro linguaggio non certo per bambini, incontrano Cristina d’Avena ed è subito poesia.

Nel 2008 i Gem Boy riescono a produrre nel giro di tre mesi un nuovo album, “Fiches”, che con le sue canzoni d’azzardo conferma e consolida la band nel loro stile musicale e nella capacità di strappare risate.

 

La band continua ad organizzare tour e a proporre live in tutta Italia, a conferma del loro successo e della stima che il pubblico ha per loro.

Commenti

commenti